I nove piani per la Street Art

Dopo la chiusura del centro culturale Tacheles di Berlino, l’arte urbana torna a vivere in un intero edificio, a Parigi. Anche se per un mese soltanto. Cento artisti da tutto il mondo sono stati invitati ad occupare il palazzo di nove piani della Tour Paris 13, per farla diventare un “museo d’ arte temporanea”, aperto al pubblico fino al 31 ottobre. Dopo, l’edificio sarà demolito.

Una torre d’arte

La Tour Paris 13 è un progetto della Mairie del 13° arrondissement di Parigi, coordinato dalla Galerie Itinerrance. Gli street artist, sono intervenuti negli appartamenti lasciati liberi dagli inquilini, ai quali il Comune aveva precedentemente offerto nuove soluzioni abitative. Parliamo di C215, Chiristian Guémy, chiamato il Caravaggio della street art e David Walker, assieme a Ludo, Inti ed eL Seed. Il progetto ha trasformato in un museo temporaneo della street art un edificio di nove piani, situato in uno dei quartieri più dinamici di Parigi, tra la Bibliothèque Nationale de France e la nuova Cité de la Mode et du Design. In accordo con recenti ricerche urbanistiche, che hanno identificato negli “spazi bianchi” (zone urbane temporaneamente in disuso) uno strumento di crescita culturale, sociale ed economica nella città contemporanea. Il direttore artistico di Le Grand Jeu, Christian Omodeo, racconta: “Trasformare un edificio residenziale in un museo è una scelta che si iscrive alla perfezione nel modello economico della Street Art. Ogni artista ha avuto massima libertà di azione, ma sono stati al tempo stesso tenuti sotto controllo i costi di produzione, perché in un palazzo destinato alla distruzione è possibile realizzare interventi inimmaginabili all’interno di uno spazio museale”. Poi spiega: “Tour Paris 13, è nata una mostra che fa potenzialmente concorrenza ai grandi centri espositivi parigini con un budget infinitesimale rispetto al loro”.

La storia di Tour Paris 13

Un anno fa, nel novembre 2012, Le Grand Jeu, agenzia specializzata nella cura su scala europea di progetti di street art, raccoglie la proposta di Mehdi Ben Cheikh, fondatore e direttore della Galerie Itinerrance di Parigi, “di partecipare ad un progetto senza certezze – si legge nella nota di Le Grand Jeu -. Non ci sono sponsor né finanziamenti pubblici, non c’è un calendario da rispettare, ma solo una torre composta da nove piani e da 36 appartamenti da mettere a disposizione di artisti provenienti da tutto il mondo”.  Le opere composte nella torre, rappresentano tutte le correnti che compongono la street art, dagli stencil ai graffiti e alle illustrazioni, fino al digitale.

Il primo ottobre 2013, dopo un anno di lavori artistici e architettonici e ad un mese dalla sua distruzione, La Tour Paris 13 ha aperto al pubblico. La selezione degli artisti coinvolti ha privilegiato artisti emergenti della scena internazionale, come l’America Latina, i paesi mediorientali, il Portogallo e l’Italia.

Il piano per gli street artist italiani

In particolare il piano numero 3 è al tempo stesso uno spazio fisico e una provocazione d’oltralpe. Il terzo piano della Tour Paris 13 é interamente dedicato alla street art italiana. In cui sono intervenuti 15 giovani street artist, che sono Etnik, 108, Agostino Iacurci, AleSenso, Awer, Dado, Hogre, Hopnn, Joys, JBRock, Moneyless, MP5, Orticanoodles, Peeta, Tellas. Riuniti tutti assieme, per una sfida: “riuscire a dare alla Street Art in Italia la stessa importanza che le viene riconosciuta in altri paesi”, spiegano i curatori del progetto. “Ogni street artist – proseguono – non importa se armato di una bomboletta, di un pennello o di un poster, è un portatore di un nuovo modo di vedere e di agire nelle città”.

Chiara Zaratin

(foto di copertina LeGrandJeu.eu)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...