Il nuovo video delle Pussy Riot

Nel nuovo video Like a red prison le Pussy Riot paragonano Vladimir Putin a un ayatollah dell’Iran.  “Il vostro presidente è come un ayatollah in Iran e la vostra chiesa è come negli Emirati Arabi” cantano le ragazze riferendosi a Putin e alla Chiesa Ortodossa Russa. Due componenti della band, sono rinchiuse in un carcere in Siberia, perché avevano suonato una canzone punk in una chiesa di Mosca. Sono state condannate a due anni.

Le ragazze nel video gettano del petrolio sul ritratto di Igor Sechin, ex agente segreto russo e ora imprenditore, amministratore delegato del colosso petrolifero Rosneft e tra i più forti alleati di Vladimir Putin.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...