Il Festival di Fotografia Europea

Il Festival di Fotografia Europea inizia il 3 maggio, a Reggio Emilia. Il titolo dell’ottava edizione di quest’anno è “Cambiare. Fotografia e responsabilità”. Il cambiamento sarà raccontato attraverso quattro diverse tematiche: “straniamento, fiducia, sorpresa e visione”.

La grande esposizione fotografica di Fotografia Europea, coinvolgerà tutta la città di Reggio Emilia. Ci saranno quattrocento tra mostre, workshop, incontri e eventi.

Una serie rappresenta molto questa edizione, è quella di Andrea Galvani, Higgs Ocean realizzata dopo mesi di studio e preparazione e una traversata di 2800 chilometri. Il fotografo, ha lavorato per diversi mesi in collaborazione con alcuni ingegneri russi, ha prodotto tra i ghiacci alcuni esperimenti di carattere acustico e utilizzato l’energia naturale del sole, riconvertendola tramite tecnologie militari in un raggio luminoso ad altissima intensità, in grado di perforare il gelido paesaggio artico e la stessa ionosfera terrestre (foto di copertina).

E’ molto suggestivo anche il lavoro di Cristina De Middel, nella serie Afronauts. Il progetto in cui la fotografa spagnola Cristina De Middel ripercorre la storia del surreale tentativo fatto dallo Zambia negli anni Sessanta di portare il primo astronauta africano sulla Luna sfidando gli Stati Uniti e l’Urss nella corsa alla conquista dello spazio. Intrecciando realtà e finzione.

La tonalità di rosso di The Wonder House of Ana and Eve, Viktoria Sorochinski, svela attraverso scene attentamente costruite, i timori di una generazione che deve affrontare la crisi di una società in profonda trasformazione, i temi dell’esilio e della nostalgia, la ricerca di un’identità e il profondo disagio che l’accompagna. Un universo segreto fatto di segni e di visioni.

Tra gli altri parteciperanno molti importanti autori contemporanei autori contemporanei, tra cui Rinko Kawauchi, David Stewart e Anders Petersen. Quest’ultimo, con la serie To Belong, ha viaggiato per l’Emilia chiamato a restituire a questa terra una testimonianza fotografica che diventasse memoria dei giorni difficili post terremoto, che fosse un omaggio alle persone, agli sguardi sul futuro, al fare emiliano. Il risultato del lavoro di Petersen è una visione straniera, matura, esclusivamente in bianco e nero. Un approccio che mette in primo piano le persone, l’incertezza, ma soprattutto la dignità ed il senso di appartenenza di un popolo colpito che si è rimesso al lavoro senza grande clamore.

Ci sarà anche tanto rock, con molte scene da backstage. Da David Bowie a Lou Reed da Iggy Pop a Syd Barrett, dai Roxy Music ai Queen. Perché Mick Rock non è soltanto il fotografo che ha contribuito in modo determinante alla costruzione dell’immagine di questi e di tanti altri artisti, ma è una figura di riferimento centrale di quarant’anni di storia musicale. La sua vita e la sua esperienza professionale sono lo specchio dell’evoluzione dello Star System dagli anni ’70 ai giorni nostri. Spazio Gerra presenterà una esposizione esclusiva dei suoi scatti.

Da non perdere le incredibili fotografie delle città del mondo senza luci elettriche. Darkened cities è un progetto del fotografo francese Thierry Cohen. L’idea a cui lavora da tre anni, è quella di raffigurare le più grandi metropoli del mondo di notte, come se non esistessero le luci elettriche e l’inquinamento. Il suo metodo è quello di fotografare le maggiori città del mondo annotando l’ora precisa, l’angolazione, la latitudine e la longitudine del luogo in cui si trova l’obiettivo. Calcolando lo spostamento dell’asse terrestre, Cohen fotografa lo stesso cielo stellato nei deserti e in altri luoghi senza traccia di inquinamento luminoso. In questo modo, riesce a sovrapporre le due immagini. Il risultato è un incredibile cielo stellato che appaere sopra le metropoli.

Quest’anno ci sarà anche la nuova sezione Host dedicata al fotogiornalismo, in collaborazione con l’agenzia fotografica VII  che presenterà a Reggio Emilia, gli scatti realizzati dai fotoreporter nelle maggiori aree di crisi e di conflitto nel mondo.

Il festival viene inaugurato tra il 3 e il 5 maggio. Le mostre durano fino al 16 giugno. Tutte le foto in esposizione e le informazioni sul sito di Fotografia Europea.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...