La street art dei nonni

Manuel Bale, Maria Luisa Blanc, Maria de Lurdes, Filomena, Gertrudes, Ana, Maria Júlia, Luisa e Hortense. Sono nove nonni, diventati street artist di Lisbona. L’età media è 84 anni. Hanno partecipato ad un laboratorio creativo e si sono inventati anche le proprie Tag, le firme che servono per identificare l’autore delle opere urbane.

Il progetto si chiama “Lata 65“, il termine che tradotto dal portoghese significa lattina ma anche bomboletta. E l’idea è semplice: mettere in mano le bombolette spray a nonne e nonni, per fargli provare l’esperienza di dipingere sui muri. Il laboratorio di street art, è stato organizzato nei giorni scorsi con gli anziani del centro sociale e parrocchiale del quartiere di Alcantara, dove c’erano le vecchie fabbriche di Lisbona, che in parte ora sono diventate un centro culturale chiamato Lx Factory.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dopo le prime due lezioni, il terzo giorno, i nove nonni hanno provato a sperimentare le tecniche imparate dipingendo i loro primi murales. Il laboratorio creativo è stata un’idea di Lara Seixo Rodrigues con Coworking Lisboa per Wool, il Festival dell’Arte Urbana.

Manuel, che ha partecipato al progetto Lata 65, ha spiegato al quotidiano I-informaçao, che i graffiti sono “un’arte meravigliosa per coprire la vergogna dello stato di abbandono degli edifici. Quello che mi chiedevo – prosegue Manuel – perché dipingere tutta questa bellezza, su un edificio abbandonato”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...