La casa di Frank Lloyd Wright nella spirale immobiliare

Questo slideshow richiede JavaScript.

La casa a spirale dell’architetto Frank Lloyd Wright, che ha ispirato negli anni la costruzione del Guggenheim Museum di New York, rischia di essere demolita se non si rivelerà un buon investimento immobiliare. Per lo meno secondo quanto annunciato a più riprese dalla società Meridian 8081, che attualmente detiene la proprietà dell’opera architettonica e che aveva scritto nel proprio sito “se non troveremo un compratore in tempo, procederemo con il nostro piano”.

Il piano prevede la demolizione della casa per costruire probabilmente uno o più nuovi edifici. Questa prospettiva ha scatenato una protesta in rete per salvaguardare l’opera architettonica, come bene comune e patrimonio dell’umanità, con una petizione da firmare online.

La casa a spirale, che l’architetto americano costruì per il figlio David nel 1952, mirava ad una concezione spaziale dell’edificio composta da piani compenetranti e da volumi astratti, rivolta al futuro e al tempo stesso alla tradizione americana. E’ in quegli anni Wright iniziò a disegnare le forme che poi avrebbero portato alla costruzione del Guggenheim. La casa considerata l’opera gemella del museo dell’arte moderna e contemporanea di New York, è ormai disabitata dal 2008, data della morte di Gladys la moglie di David Wright.

David and Gladys Wright House si trova tra Camelback Road e la 56esima strada a Phoenix, in Arizona. La sua demolizione dovrà passare per l’approvazione ultima del consiglio comunale della città, fissato per il 7 novembre. La società Meridian 8081 ha acquistato quest’anno la casa a spirale del maestro dell’architettura organica per 1,8 mlioni e adesso, in una operazione immobiliare lampo, la vuole rimettere sul mercato a non meno di 2,2 milioni di dollari. I vertici della società immobiliare, hanno spiegato al New York Times che la loro “autorizzazione resta valida” e che sono intenzionati a procedere. La società ha anche aggiunto che rimane ancora in atto la possibilità di acquistarla.

La casa a spirale è un opera d’ arte di 2500 metri quadrati, comprende un vasto giardino e patio centrale, oltre ad una vista sul deserto e le montagne che la circondano. Il 21 giugno del 2012 la società aveva annunciato che aveva acquistato la proprietà dei Wright. Il 18 luglio, nemmeno un mese dopo, la Meridian ha scritto nel sito che erano iniziate le “collaborazioni con i progettisti del Frank Lloyd Wright Conservancy” la fondazione per la salvaguardia delle opere dell’architetto americano, concludendo con l’annuncio della possibile demolizione se non fosse arrivato un acquirente. Il 3 ottobre la proprietà aveva postato un altro messaggio, descrivendo come negli ultimi mesi 2,600 visitatori avevano potuto avere accesso alla tenuta dell’architetto a Phoenix. Infine il 5 ottobre, a seguito anche dell’articolo del New York Times, è uscito questo messaggio dalla società di investimenti: “Con il Comune di Phoenix è stato raggiunto un accordo che prolunga lo status quo di altri 30 giorni, fino a quella data resteremo focalizzati su un accordo giusto ed equo con la città di Phoenix”.

Un mese di tempo, giusto per il Consiglio comunale, per decidere le sorti di una delle pietre preziose dell’architettura, che in ogni caso dovrebbe vivere in eterno perché considerata patrimonio culturale dell’umanità e racchiude in sé uno stile architettonico che sta svanendo a firma di uno dei più grandi maestri del novecento. Un anonimo aveva offerto 2milioni di dollari, ma la sua proposta di acquisto è stata rifiutata. La sensazione è che in qualche modo, dopo il 7 novembre, salteranno fuori quei 200mila dollari che mancano. Se non di più.

C.Z

@archizet

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...