Silenzio in classe

Questo slideshow richiede JavaScript.

Si trovano di fronte ad uno scenario in cui probabilmente non potranno nemmeno scegliere di fare l’Erasmus se frequenteranno l’università. Si parla di agenda digitale nella scuola ma si ritrovano ad usare Windows 98 durante l’ora di informatica. Hanno quattordici, quindici, sedici anni e che si voglia guardare o meno quei volti sono i figli di un Italia piegata dalla crisi economica.

Gli studenti delle scuole superiori sono scesi in piazza a migliaia, venerdì 5 ottobre, per manifestare contro le misure di austerità del governo che coinvolgono anche il mondo dell’istruzione.

Da Milano, a Torino, Palermo, Taranto, passando per Roma e altre venti città italiane. Le immagini che correvano in rete, diffuse con il tag #5ott, raccontano della manifestazione con le cariche della polizia e gli studenti con l’Invicta che scappavano tra i fumogeni. Da un primo bilancio si contano 30 studenti fermati durante le proteste.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...