La lista dello sfruttamento nascosto di Apple

La lista di Apple. Per la prima volta l’azienda di Cupertino ha pubblicato un elenco, con oltre 150 aziende di fornitori, in cui denunciare lo sfruttamento del lavoro e di quello minorile oltre che i test di gravidanza sulle dipendenti. Anche a seguito dell’istallazione delle reti anti-suicidio nella fabbrica Foxconn in Cina, Apple ha deciso di pubblicare un documento di responsabilità sociale per tutelarsi.

L’azienda fondata da Steve Jobs, ha in parte ammesso quello che sta accadendo dove vengono prodotti Ipad, Iphone, MacBook e gli altri prodotti della “Mela”. La stessa azienda, infatti, ammette nel suo report che “andando in profondità nella filiera dell’indotto, abbiamo scoperto che il metodo di verifica dell’età nelle aziende fornitrici non è abbastanza sofisticato”. Dalle indagini interne, sono emersi 13 stabilimenti dove si faceva ricorso al lavoro minorile. “Vorrei eliminare totalmente ogni caso di sfruttamento nel lavoro”, ha dichiarato il Ceo di Apple Tim Cook.

Annunci

Un pensiero su “La lista dello sfruttamento nascosto di Apple”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...