La primavera araba un anno fa #Tunisia

La protesta ha avuto inizio quando un uomo si è dato fuoco nella cittadina di Sidi Bou Zid. La rivolta si è propagata a livello nazionale, fino alla caduta del presidente Ben Alì dopo più di due decenni di dittatura. L’archivio di documenti delle quattro settimane che hanno scosso la Tunisia diventando la rivoluzione Jasmine. Come il fiore di gelsomino, simbolo nazionale tunisino. La rivoluzione dei Gelsomini.

“Diciamocelo: il mondo arabo, differenziato ma unitario, non esiste. E’ un’idea sbagliata, creata da nazionalisti senza dubbio sinceri ma poco coerenti e in ogni caso non al passo con la realtà”. “La prigione araba è stata costruita su una montagna di discorsi, di litanie infinite, di parole, di frasi, di clamore, di lacrime e di applausi stupidi”. scrive Tahar Ben Jelloun nel suo istant book La rivoluzione dei gelsomini (Bompiani).

Di seguito, raccontiamo, attraverso l’intervista all’ex capo dei servizi segreti italiani Martini, come è stato messo al potere l’ex presidente Ben Alì. Con un colpo di stato. Un golpe architettato dall’Italia, dai politici e dai servizi:

“Allora: all’inizio del 1985 mi chiama Bettino Craxi, presidente del Consiglio. Poco prima era stato in Algeria, dove aveva incontrato il presidente Chadli Benjedid e il primo ministro pro tempore, non ricordo chi fosse…” (il primo ministro pro tempore di Chadli era Abdel Hamid Brahimi, ndr).

“Craxi mi dice: ammiraglio, lei deve andare in Algeria, deve incontrare il capo dei loro servizi. Io gli rispondo: presidente, io in Algeria non ci vado. I servizi segreti algerini sono tra i più attivi nell’organizzare e armare i terroristi palestinesi. Il Sismi in quegli anni non aveva contatti con l’Algeria, con i libici, con la Siria. Non avevamo contatti con i servizi che appoggiavano la galassia delle organizzazioni terroristiche palestinesi. Craxi mi ordinò: lei deve andare in Algeria, si cauteli ma vada lì”.

“La visita di Craxi cade in un momento particolare per l’Algeria, che è impegnata a diversificare le sue preferenze verso altri paesi dell’Europa occidentale dopo i problemi con Francia e Spagna. La diffidenza di Algeri verso Parigi è scaturita anche dalle intese raggiunte recentemente fra Mitterrand, il re del Marocco Hassan II e il leader libico Gheddafi per il Ciad. Inoltre l’Algeria si è trovata circondata da un blocco militare ostile a seguito dell’Unione fra Libia e Marocco senza un’aperta opposizione della Francia”.

Craxi giunge ad Algeri il 28 novembre 1984. L’ammiraglio Martini ricorda: “Il presidente algerino prospettò al presidente Craxi un’eventualità che per noi sarebbe stata assai pericolosa. Gli algerini – disse – erano pronti a invadere quella parte del territorio tunisino che è attraversata dal gasdotto. Craxi disse a Chadli: “Aspettate, non vi muovete”, e iniziò a muoversi lui con Giulio Andreotti”.
Alla fine lei decide il viaggio ad Algeri. “Naturalmente io eseguo le direttive del governo: non avevamo rapporti diretti col servizio algerino, un servizio unico controllato dai militari. Perciò chiamai l’ambasciata a Roma e dopo pochi giorni col mio aereo atterrai ad Algeri. Mi fecero parcheggiare a fondo pista, lontano da tutti e da tutto. Rimasi a parlare fino a notte fonda con il capo dei loro servizi, e da allora avviammo un dialogo che aveva un grande obiettivo: evitare che la destabilizzazione crescente della Tunisia portasse gli algerini a un colpo di testa. L’Italia offriva aiuto all’Algeria, e in cambio chiedeva aiuto all’Algeria nel controllo del terrorismo in Italia”.

Aiuto italiano nella “stabilizzazione” della Tunisia?
“Sì. Da quel momento iniziò una lunga operazione di politica estera in cui i servizi ebbero un ruolo importantissmo. Alla fine individuammo il generale Ben Ali come l’uomo capace di garantire meglio di Bourghiba la stabilità in Tunisia. Da capo dei servizi segreti, poi da ministro dell’Interno Ben Alì si era opposto alla giustizia sommaria che Bourghiba aveva intenzione di fare dei primi fondamentalisti che si infiltravano nei paesi islamici. Dopo la condanna a morte di 7 fondamentalisti, Bourghiba voleva altre teste. Noi proponemmo la soluzione ai servizi algerini, che passarono la cosa anche ai libici. Io personalmente andai a parlare con i francesi…”.

Ebbe qualche problema col suo collega francese, il capo della Dgse?
“Era il generale René Imbot, ex capo di stato maggiore dell’ Armée. Andai da lui, gli spiegai la situazione, gli dissi che l’Italia voleva risolvere le cose nella maniera più cauta possibile, ma che comunque non voleva aspettare che la Tunisia saltasse per aria. Lui fece un errore imperdonabile: mi trattò con arroganza, mi disse che noi italiani non dovevamo neppure avvicinarci alla Tunisia, che quello era impero francese. Io ancora oggi penso che per difendere un impero bisognava avere i mezzi, la capacità ma anche la solidarietà di chi non è proprio l’ultimo carrettiere del Mediterraneo… Imbot era stato nella Legione straniera per vent’anni, aveva guidato i paracadutisti che parteciparono alla repressione nella casbah durante la battaglia di Algeri. Era un soldato, non capiva la politica, ebbe qualche problema con il suo primo ministro Jacques Chirac”.

Voi andaste avanti col vostro piano: sempre con il consenso di Craxi e Andreotti? E gli americani, li avvertiste?
“Gli americani non furono coinvolti. Naturalmente io mi muovevo seguendo le direttive del governo, tenendolo informato passo dopo passo. Noi del Sismi non facemmo nulla di operativo in Tunisia, ma collaborammo a un’azione politica italiana che, appena Ben Ali arrivò al potere, riuscì a sostenere il suo governo politicamente ed economicamente ed aiutò la Tunisia ad evitare l’incubo islamico che ha tormentato paesi come l’Algeria”.

La notte del 6 novembre 1987 in Italia il presidente del Consiglio era Giovanni Goria, il ministro degli Esteri Giulio Andreotti, il leader del Psi Bettino Craxi. Sette medici firmarono un referto che certificò l’incapacità di Habib Bourghiba, il primo ministro-generale Zin el Abidin Ben Ali divenne presidente della Tunisia.

Martini ieri sera non ha voluto commentare le dichiarazioni di Pellegrino, Craxi e Andreotti su questo che ha definito “una specie di golpe”. I giornalisti che da Tunisi il 7 novembre 1987 trasmisero i loro articoli lo chiamarono “golpe costituzionale”. Chiamatelo come volete, la storia è questa.

da La repubblica, 11 ottobre 1999

#TUNISIA La rivoluzione un anno fa · expost24 · Storify.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...