#Egypt Chiesta la pena di morte per Mubarak

La procura generale della Corte d’Assise del Cairo ha chiesto la pena di morte per l’ ex presidente Hosni Mubarak, accusato di incitamento all’omicidio di manifestanti durante le rivolte della Primavera araba in Egitto. L’ex presidente egiziano Mubarak e i suoi figli Gamal e Alaaf sono accusati di aver ordinato di sparare e uccidere manifestanti durante la Rivoluzione del 25 gennaio. Mubarak è il primo leader deposto in seguito alla Primavera araba a essere giudicato in un tribunale.

“L’accusa ha confermato che Mubarak, Adli e sei alti responsabili della sicurezza hanno aiutato e incitato a sparare” contro la folla che manifestava chiedendo la caduta dell’ex dittatore, secondo quanto ha detto il procuratore generale, Mustafa Suleimane, citato dall’agenzia Mena. Lo stesso procuratore ha inoltre accusato le nuove autorità egiziane di aver “deliberatamente rifiutato di cooperare con l’accusa” per determinare la responsabilità dell’ex presidente. Suleimane, che ha cominciato martedì la sua arringa davanti alla corte d’assise del Cairo, potrebbe presentare oggi la requisitoria e quindi, secondo alcuni media egiziani, chiedere la massima pena prevista: la pena di morte.

Alla ripresa del processo contro l’ex presidente egiziano accusato della morte di circa 850 manifestanti durante le repressioni del’inizio del 2011, lo stesso procuratore lo aveva definito “un dirigente tirannico, che ha falsificato la volontà del popolo egiziano nelle elezioni e che ha cercato di passare il potere al figlio Gamal”. Mubarak ha “diffuso la corruzione – ha detto ancora il procuratore – aperto la porta del potere ai suoi amici e sodali ed ha ridotto il paese in rovina senza renderne conto a nessuno”.

Quella di mercoledì è stata la seconda delle tre udienze che il presidente della corte, Ahmed Refaat, ha fissato per la pubblica accusa, fino a quella di questa mattina. Mubarak è stato presente in aula, in barella a causa di crisi cardiache che lo hanno colpito da dopo l’arresto in aprile.

Si è svolta nel frattempo la seconda giornata elettorale al Cairo, il 4 gennaio, con i seggi aperti per il terzo turno delle votazioni per il Parlamento. Le prime elezioni dalla deposizione del presidente Hosni Mubarak, che era da 30 anni al potere. L’ultimo round delle votazioni per la Camera bassa del Parlamento si svolgono nel sud rurale del paese nordafricano, dove si concentra un maggior numero di elettori cristiani. Nell’area più industriale e popolata del Delta del Nilo e nell’irrequieto Sinai. “La lista dei Fratelli Musulmani ha ottenuto finora il maggior numero di seggi nei primi due turni, apparentemente grazie al fatto che il suo messaggio di stabilità ha trovato vasta eco tra gli egiziani stanchi di un anno di disordini”, riporta l’agenzia di stampa Reuters.

#EGYPT Elezioni al Cairo · expost24 · Storify.

Annunci

Un pensiero su “#Egypt Chiesta la pena di morte per Mubarak”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...